CAMPAGNE

Campagne di sensibilizzazione

 


campagne-kids


Tanti partner un sito Coinvolgere i giovani cittadini, motivandoli, in attività di Educazione Ambientale che favoriscano la crescita dei loro valori sociali, può essere visto come un percorso voluto dagli adulti e quindi collocarsi nei domini di ‘ciò che si deve fare’ con tutto quello che comporta in termini di riduzione della spontaneità dei comportamenti. Di contro, radicare un comportamento, trasformandolo da volontario ad automatico, necessita di una serie di interventi educativi: continui, rinforzati dalla volontà di apprendere e che non mirino solo alla dimensione cognitiva, spingendo invece la propria area di ricaduta anche nelle altre dimensioni umane. Consapevoli di questo i partner in questo progetto – Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente, Assessorato Regionale Territorio e Ambiente, Assessorato Regionale Beni Culturali, Ambientali e Pubblica Istruzione, Istituto Regionale di Ricerca Educativa della Sicilia – in qualità di agenzie non formali di istruzione, che non agiscono direttamente sull’educazione dei cittadini, ma che fanno ricorso a mediatori che operano con ragazzi, adulti e istituzioni, ritengono di vitale importanza coordinare gli sforzi istituzionali nell’azione educativa, soprattutto favorendo la qualità del sistema di comunicazione che rende visibile quanto fatto, agevola la propagazione delle idee e aiuta il processo di identificazione dei bisogni individuali nelle esigenze della collettività. Considerato che la finalità istituzionale dei soggetti partner è quella di fornire linee di indirizzo e proposte progettuali, che poi gli operatori concretizzeranno in azioni educative mirate, con questo sito si intende mettere insieme il sistema formale dell’istruzione, costituito dalle scuole, con il sistema non formale, costituito da libri, da riviste, TV, gruppi sociali, istituzioni, ecc. offrendo la possibilità ai giovani, anche divertendoli e sicuramente in modo non impositivo, di stare sul web senza ansie e pericoli. Principalmente ai ragazzi, infatti, sono rivolti sia l’informazione che la documentazione e il coinvolgimento, anche attraverso il mondo della scuola che qui può trovare ampi spazi di documentazione e partecipazione.

Ancora un sito sull’Educazione Ambientale? L’esperienza dimostra come in Italia siano presenti numerosi siti che si occupano di Educazione Ambientale: a fronte di alcuni ben fatti e stimolanti, la maggior parte risulta orientata verso un pubblico adulto, come si può verificare dal tipo di testi inseriti e dalla struttura del linguaggio utilizzata. Si rileva inoltre la mancanza di un luogo di connessione ‘comodo’ tra le proposte attive presentate per informare ed educare il mondo della scuola che occupa gran parete del tempo e degli impegni di bambini e ragazzi. Si è ritenuto così che il ricorso alle tecnologie di rete, possa fornire un economico e capillare strumento capace di affrontare la necessità di un aumento significativo del livello dei servizi fruibili nel settore dell’Educazione Ambientale, soprattutto per rispondere alle mutate esigenze del sistema scolastico che sta affrontando una profonda trasformazione culturale. Tale scelta ha spinto le istituzioni partner a migliorare sensibilmente sia i sistemi utilizzati per la comunicazione tra operatori che quelli per raggiungere i destinatari dell’azione educativa diretta. Un sito web quindi, che arricchisce il sistema di comunicazione dell’ARPA Sicilia e dei partner. Per l’Agenzia si tratta di un insieme di strumenti costituito dalla rivista ARPAVIEW, dal sito ufficiale dell’ARPA Sicilia e questo nuovo sito ARPAkids, finalizzato a raggiungere una fascia di utenti che non usano il linguaggio specifico. Per tutti significa un luogo dove l’Educazione Ambientale è lo scopo per il quale si realizzano molteplici attività anche a carattere ludico o di informazione scientifica e didattica.

E un magazine a cosa serve? Attraverso una rivista telematica si ha la possibilità di fornire in modo ordinato ed efficace un servizio di informazione e comunicazione interattiva adatto alle diverse tipologie degli utenti sia per quanto riguarda il settore di livello didattico-scientifico più elevato (docenti, decisori, organizzatori del sistema educativo), che per quel gruppo di utenti che necessita di consigli, dati e servizi di base più appropriati, quindi i giovani e utenti adulti che muovono i primi passi nel settore dell’Educazione Ambientale. Pertanto il magazine è da un lato strumento di informazione con una sintesi delle notizie che possono interessare i visitatori e dall’altro lato strumento di documentazione che spinge agli approfondimenti La scelta del web per una pubblicazione periodica, oltre che ispirarsi ai nuovi modelli di comunicazione, è motivata dalla possibilità di raggiungere tutti e di utilizzare strutture flessibili per una interazione quanto più ampia e, non da ultimo, per eliminare quei costi di stampa e spedizione che un supporto cartaceo comporta. Da un punto di vista culturale, è interesse dei partner del progetto lo sviluppo di uno strumento utile per la ricerca, il perfezionamento ed il confronto culturale e professionale, su tematiche e problematiche relative all’Educazione Ambientale. Ne deriva che è nostro impegno avviare un efficace punto d’accesso alla ‘rete’, attraverso una costante attività nel valutare, selezionare e presentare per aree tematiche, aggiornare e monitorare le risorse raggiungibili e disponibili non solo su internet, ma anche nel mondo editoriale più tradizionale.

Il progetto editoriale come risposta ai bisogni L’ARPA Sicilia e i suoi partner hanno intenzionalmente scelto di collocarsi, con questo sito e questo magazine, nella schiera di quegli editori che prediligono il modello telematico rispetto a quello cartaceo tradizionale, soprattutto per la possibilità di creare un particolare soggetto composto da ricercatori, professionisti, esperti, cultori e appassionati, che si aggregano liberamente intorno a un’idea e realizzano un progetto intellettuale e educativo L’idea portante, che si spera costituisca il nucleo d’origine di un prodotto ampio e articolato, pone la complessità e l’imprevedibilità dei comportamenti umani come paradigma di fondo e vede la realizzazione di progetti educativi diretti verso l’ecosostenibilità come percorsi centrati sulla costruzione di modelli interpretativi della realtà fisica, nonché dei comportamenti propri, dei singoli e sociali e sull’uso del gioco e della simulazione come approccio per favorire la presa di consapevolezza dei problemi e per maturare comportamenti concretamente positivi. Tutto ciò che deriva dalla complessità, in termini di diversità, uso controllato della logica deterministica, importanza del ricorso ad approcci multidisciplinari, diventa campo di sviluppo della ricerca scientifica e pedagogico-didattica sui temi dell’Educazione Ambientale. Sul piano strettamente educativo, il ricorrere solo parzialmente alla mediazione dei docenti, puntando piuttosto su un coinvolgimento diretto del giovane visitatore che, giocando, ricercando, curiosando, si appropria soprattutto di punti di vista, chiavi di lettura, strutture di interrogazione che vanno dal modo di porre domande al modo di cercare le risposte, si contrappone fortemente alla diffusa impostazione di un rapporto sbilanciato tre esperti/produttori di conoscenze e lettori/consumatori che finiscono per sovrapporre l’Educazione Ambientale con l’Ecologia, il comportamento ecocompatibile con la conoscenza anche sofisticata e capillare degli habitat e delle influenze dell’inquinamento su piante, uomini e opere d’arte. Quindi un sito e un magazine che, occupandosi di Educazione Ambientale, siano prima educativi e poi informativi, dove la possibilità di informarsi e confrontarsi con un insieme di conoscenze, di pratiche culturali e professionali relative a studi, attività di ricerca e formazione, ed interventi nei contesti sociali che fanno espressamente riferimento ad approcci e metodologie legate allo sviluppo sostenibile sia strumento per gli adulti che lavorano con i giovani. Ne risulta che questo magazine non è una rivista scientifica sull’Ambiente, ma uno strumento per accedere ad informazioni di tipo scientifico e didattico per impadronirsi degli strumenti che agevolano la maturazione di comportamenti eco-compatibili. La scelta di uno stile comunicativo che non segue l’ortodossia di un linguaggio tecnico-scientifico per iniziati e un contenuto che non sia esclusivamente di ambito ecologico-naturalistico, si confida che permetta anche a coloro per i quali i temi ambientali non risultano particolarmente vicini, di trovare qui uno spazio di interesse che, in modo soft, fa lavorare sui principi e valori di base che il documento di Fiuggi suggerisce come essenziali.

Cosa si può trovare qui ARPA Kids è uno strumento di sensibilizzazione ai comportamenti eco-compatibili e documentazione scientifica di facile accesso ed è prevalentemente rivolto a visitatori la cui età è compresa fra 5 e 14 anni, nonchè a docenti ed a operatori di agenzie che si occupano di educazione ambientale. Si caratterizza per la connotazione didattica di alcuni suoi settori che utilizzano anche i giochi come strumento di interazione con i visitatori. Contiene, infatti, un’ area ludica dove è possibile accedere a diversi giochi, strutturati senza scendere a compromessi per quel che riguarda la violenza, i comportamenti ansiogeni o il linguaggio aggressivo. Altri punti forti del sito sono il rigore scientifico dei testi, presentato con linguaggio piano e accessibile e l’ interattività realizzata attraverso il sistema delle newsletter, del magazine e del blog. Gli interessati, in particolare le istituzioni scolastiche, avranno la possibilità di ricevere le newsletter, che periodicamente informeranno su notizie di carattere ambientale. Il magazine, rivista a carattere mensile, conterrà articoli scientifici e didattici, recensioni di riviste, libri e siti, nonchè report di esperienze realizzate nelle scuole o da agenzie territoriali che si occupano di educazione ambientale. Nel magazine, tra l’altro, verranno proposti sondaggi e link per specifici approfondimenti. Il blog, spazio dove ogni visitatore può annotare i propri pensieri sui temi ambientali, permetterà di contribuire all’arricchimento del sito con spunti che anche all’interno delle classi potranno dar luogo a momenti di riflessione e di approfondimento. Poichè il sito è prevalentemente rivolto ai minori, a loro tutela, i testi ritenuti inadeguati non saranno pubblicati. Per sua stessa natura, il sito rappresenterà uno strumento realmente utile solo se riceverà contributi, riflessioni e critiche, che rappresenteranno la sua linfa vitale. In particolare, l’indicatore di interesse è rappresentato dal numero di accessi e di contributi che arriveranno in redazione. Per questo ci piace concludere con le parole di John Dickinson ‘ united we stand, divided we fall!’

Come collaborare Grazie alle tecnologie di rete, diventa possibile implementare il sito con riflessioni, esperienze, proposte che favoriscano il compito essenzialmente comunicativo di questo strumento, così da contribuire ad una effettiva gestione partecipata dell’Educazione Ambientale. Il Comitato di Redazione del Magazine da l’opportunità a chiunque di collaborare alla rivista a titolo assolutamente gratuito, anche a chi non è addentro ai settori specifici; si riserva comunque di collocare i contributi ritenuti significativi, nel settore di maggiore pertinenza a suo esclusivo giudizio. Tramite collaborazione reciproca, è inoltre interessato alla realizzazione di progetti originali, anche con il ‘marchio’ ARPA Sicilia con pubblicizzazione tramite la rivista o altro strumento telematico on-line e off-line. Si può entrare nello staff di redazione quale collaboratore esterno dopo la pubblicazione di almeno tre servizi giornalistici e/o progetti e sarà successivamente cancellato dalla lista, anche senza preavviso, chi non collaborerà per sei mesi continuativi. Pur nel rispetto della normativa sulla privacy, è necessario che ogni appartenente allo staff debba compilare una scheda con i propri dati e corredata da foto. Chi collabora assiduamente sarà considerato un redattore e la propria collaborazione potrà essere menzionata nel proprio curriculum vitae, con il rilascio di un attestato da parte dell’ARPA Sicilia. ARPAkids ha come scopo la qualità degli interventi di Educazione ambientale e mira a diventare guida affidabile nella scelta ed applicazione delle attività più svariate nel settore. Contemporaneamente si propone di accompagnare i propri visitatori nella cultura dell’ecosostenibilità. Ciò significa che solo i prodotti più rispondenti a questa filosofia, saranno scelti per arricchire questo sito ed il suo magazine. Si ritiene infatti che per una azione educativa che ha bisogno di tempi lunghi, non si possa nè si debba perdere il contatto col visitatore e quindi bisogna porre la massima attenzione ai bisogni, alla comunicazione e al servizio all’utenza che costituiscono i criteri ispiratori della qualità del sito. Coloro che intenderanno collaborare, potranno contattarci inviando un e-mail redazione@arpa-kids.it ; sarà nostra cura contattarli per definire gli aspetti tecnici.


/wp-content/uploads/2014/06/naturasicilia.jpg”>naturasicilia


copertina gadget_arpa

Lascia una risposta